[ Notizie ]
Tifosi Viareggio caricati dalla polizia in trasferta a Sanremo: due feriti e un fermato
14 Maggio 2018 - letto 17704 volte

Due feriti, un tifoso e un poliziotto. Un tifoso in stato di fermo in Questura. È questo il bilancio del pomeriggio di “follia” che è sfociato in una carica da parte del reparto celere di Genova coadiuvato dalla Digos di Imperia nei confronti di alcuni tifosi del Viareggio diretti allo stadio comunale per assistere al match di serie D Sanremese-Viareggio. 

Circa una ventina di tifosi del Viareggio sono stati fermati all’uscita del casello autostradale di Arma di Taggia dalla Polizia. Il motivo? I biglietti per la partita, considerata a rischio, erano solo nominativi e i tifosi in questione ne erano sprovvisti. Una volta fatti accostare nel piazzale antistante alla discarica di Collette Ozotto i tifosi sono stati identificati e dopo circa due ore sono ripartiti scortati dalla polizia verso la Toscana. 

Secondo una prima ricostruzione, uno dei due pulmini ha avuto un guasto che ha costretto l’autista a fermarsi al primo autogrill, quello in zona Castellaro. Dopo aver consumato qualche birra e scandito cori alcuni di loro avrebbero iniziato a provocare gli agenti ma senza entrarvi in contatto. Una volta decisi a ripartire vi sarebbe stata l’ennesima provocazione alla quale la polizia avrebbe reagito caricando i giovani ultras. Numerosi i tifosi che hanno riportato i segni delle manganellate sul corpo e uno in particolare, un disabile sprovvisto di una gamba, ha avuto la peggio. L’uomo, colpito al volto, sanguinante è stato trasportato in codice giallo all’ospedale di Imperia. Anche un agente è stato refertato per una contusione ad una mano. 

Uno dei tifosi, colui che ha provocato l’agente della Digos, è stato fermato e accusato di resistenza a pubblico ufficiale e danneggiamento.

“È vero uno di noi ha bevuto un po’ troppo – racconta uno dei tifosi – e ha pagato le conseguenze delle sue azioni ma la reazione è stata spropositata. Ce ne stavamo andando e uno della digos ha trascinato giù dal pulmino un nostro compagno disabile, è stata una cosa assurda. Inoltre ci hanno caricato e rincorso per 20 mt picchiandoci con il manganello”. 

Al momento non è possibile avere la versione ufficiale delle forze dell’ordine ancora occupate a presidiare il nosocomio imperiese.

Notizie correlate Viareggio
Altre notizie
21 Settembre 2018 - E' una nota dai bordi piuttosto taglienti quella pubblicata pochi minuti fa dagli Ultras dell'Imperia. La tifoseria organizzata...
21 Settembre 2018 - I tifosi pistoiesi non hanno più la propria casa, la Curva Nord. E adesso tutti, ultras e non, attendono novità su cosa...
21 Settembre 2018 - Cinque anni senza entrare in uno stadio. Anzi, no. In altre parole: il Daspo appena notificato ai tifosi è stato subito cancellato...
21 Settembre 2018 - I tifosi della curva Nord hanno deciso: diserteranno le amichevoli della Ternana fino all’inizio del campionato. Ma non per polemica...
20 Settembre 2018 - Fingevano di essere minorenni per entrare allo stadio gratis. Ventinove tifosi del Napoli sono indagati dalla Procura di Torino, fanno parte...
19 Settembre 2018 - Sono finiti nei guai due tifosi dell'Angri: gli agenti della Polizia di Stato appartenenti al Commissariato di Pubblica Sicurezza di...
19 Settembre 2018 - Per molti anni abbiamo dovuto subire l'avvento di truffatori, mafiosi o pseudo-tifosi che semplicemente acquisendo la proprietà...
Stai ascoltando
Onair
   
Videotifo
Torino-Mantova
Finale Playoff a Torino, ingresso in campo dei giocatori.
Intervallo Ancona
intervallo con foto dei tifosi dell'Ancona dagli anni '80 ad oggi
Pisa in Como 2004/05
Ultras Pisa in Como
Verona, Finale Mondiali 2006 Italia - Francia
Piazza San Zeno Verona durante l'inno italiano alla finale dei mondiali di calcio 2006
La Roma esce dalla Coppa Italia contro la Fiorentina e la Curva Sud contesta i giocatori giallorossi

Calciomercato a cura di
TIFO-Net informa
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.