[ Notizie ]
Tafferugli al Dall'Ara per Bologna-Juventus: assolti otto tifosi rossoblù
20 Luglio 2016 - letto 1490 volte

Sono stati tutti assolti gli otto tifosi del Bologna Calcio imputati per i tafferugli con le forze dell'ordine allo stadio Dall'Ara, scoppiati durante la partita con la Juventus il 16 marzo 2013. Erano a processo a vario titolo per resistenza e lesioni a pubblico ufficiale per gli scontri con Polizia e Carabinieri, impegnati ad impedire il contatto tra le due tifoserie, e per danneggiamento aggravato, per aver forzato la cancellata divisoria nel tunnel tra la curva 'Bulgarelli' e il settore dei Distinti, occupato dai sostenitori bianconeri.

Il giudice del tribunale di Bologna Paola Passerone ha pronunciato assoluzioni per i vari capi di imputazione con le formule perché il fatto non sussiste, per non aver commesso il fatto e perché il fatto non costituisce reato. Sette tifosi erano difesi dall'avvocato Gabriele Bordoni, uno dall'avvocato Simone Sabattini. Le indagini e le denunce erano state della Digos e la citazione a giudizio era stata fatta dal Pm Antonella Scandellari. La tesi difensiva dell'avvocato Bordoni ha preso spunto anche dalle relazioni di servizio della Questura e ha osservato ad esempio che nessuna delle persone che forzarono il cancello è mai stato identificato: gli imputati lo trovarono completamente aperto e, in assenza di agenti di Polizia o steward a presidio, entrarono nel tunnel tra la curva e i Distinti, senza danneggiare nulla.

Rispetto agli scontri, durati circa un minuto e che coinvolsero 70-80 tifosi a volto coperto, arrivati a contatto con il battaglione dei Carabinieri, per la difesa non è emerso dalle testimonianze che tra i 'facinorosi' ci fossero gli imputati. Gli stessi, interrogati, hanno infatti spiegato bene cosa stavano facendo e hanno evidenziato che le immagini li riprendono fermi e non armati; per la difesa è quindi logico supporre che gli imputati siano stati riconosciuti nella videoregistrazione fatta solo dopo gli scontri, in quanto conosciuti alla Digos come frequentatori della curva. Anche per le lesioni ad un funzionario, che ricevette una prognosi di 27 giorni, non sarebbe stato possibile riconoscere con certezza l'autore: l'illuminazione era scarsa, la vittima piegata in avanti mentre veniva presa a calci nella schiena. Non è emersa in sostanza la prova oltre ogni ragionevole dubbio, per la difesa, che il responsabile sia quello indicato dalle indagini. Il giudice depositerà le motivazioni della decisione entro 90 giorni.

Notizie correlate Bologna
Altre notizie
21 Giugno 2017 - “Ce l'hanno fatta anche con te...Corvino vattene!!! Gracias BV20”, recita così uno striscione da poco appeso alle...
21 Giugno 2017 - La “Curva Nord 12“, attraverso un post pubblicato sulla pagina “Facebook” ufficiale, ha invitato tutti i tifosi...
20 Giugno 2017 - Dopo Mattarella il 31 Dicembre è la volta di Mino Raiola a reti unificate su tutti i canali sportivi. Ovviamente con i SUOI...
19 Giugno 2017 - Il Centro Coordinamento Clubs Avellino ha diramato qualche istante fa un comunicato stampa inerente alla querelle studi tra societave...
19 Giugno 2017 - Una pioggia di dollari finti ha costretto l'arbitro a fermare il gioco per circa un minuto a Cracovia, dove l'Under 21 azzurro sta...
16 Giugno 2017 - Si attendevano ulteriori provvedimenti per i fatti accaduti nel post partita di Fezzanese-Massese, il 13 aprile scorso nelle adiacenze dello...
16 Giugno 2017 - "Non vi sono più le condizioni né i presupposti per andare avanti con questa avventura. Non vogliamo né possiamo...
   
Videotifo
Fasano Calcio... Tutta mia la città
una serie di foto della curva sud Fasano
tifosi Italia-Scozia
tifosi della curva nord durante la partita Italia- Scozia del 28.3.07 a Bari
Coreografia Foggia Avellino Playoff Serie C finale
Coreografia della finale playoff di andata fra foggia e avellino per la promozione in serie B
Ultra' Lecce
Video con foto delle trasferte storiche degli Ultra' Lecce
Ultra' Lecce
Lecce - Reggina 2003/04

TIFO-Net informa
Ascolta Baldini a 90
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.