[ Notizie ]
Pordenone-Venezia, tifoso picchia lo steward: denuncia e Daspo
14 Ottobre 2016 - letto 1418 volte

Si è perso il trionfo dei rammari sul leone della Serenissima perchè ha rifilato un sonoro ceffone a uno steward dello stadio Bottecchia. È successo il 1° ottobre scorso a uno dei fedelissimi tifosi del Pordenone. L’episodio gli è costato una denuncia per violenza a incaricato di pubblico servizio. Una denuncia che è scattata d’ufficio e che potrebbe essere seguita dal provvedimento più temuto dagli ultras: un Daspo. Vale a dire un divieto di accesso agli impianti sportivi. Ma questo è un aspetto che sarà valutato dalla Questura di Pordenone.
Il giorno del grande match con la prima in classifica - il Venezia - all’arrivo dei tifosi neroverdi c’è stato un alterco con uno degli addetti alla sicurezza. I tifosi volevano entrare allo stadio con tamburo e megafono per dare forza a slogan e incitamenti a favore della squadra di casa. Insomma, volevano vincere la partita del tifo. Ma il regolamento del Bottecchia vieta di portare sugli spalti tamburi e megafoni. I responsabili del servizio lo hanno fatto presente, ma era quello era un giorno speciale e i supporter del Pordenone si sono ribellati. Il contrasto verbale con lo steward si è tramutato in un parapiglia, tanto che i Carabinieri presenti in prossimità del varco d’ingresso sono dovuti intervenire per calmare gli animi. Uno dei tifosi, arrabbiatissimo, si è però lasciato andare e ha colpito lo steward con un sonoro ceffone in faccia.
Il risultato? Il tifoso è stato isolato dal resto del gruppo e portato in caserma, dove è rimasto per tutti i 90’ minuti di Pordenone-Venezia. Si è perso quella che probabilmente è stata la partita dell’anno: tifo scatenato (ma non violento) in un Bottecchia da record (2.400 spettatori), vittoria con un gol di Semenzato al 27’ e il Venezia di SuperPippo Inzaghi scavalcato in classifica.
Lo steward colpito non ha voluto farsi refertare in pronto soccorso e non ha presentato denuncia. Forse ha preferito lasciar perdere per evitare di incrinare il rapporto con gli altri tifosi. È stato comunque sentito a verbale, così come gli altri testimoni dell’episodio, tutti convocati in caserma per ricostruire la vicenda. I responsabili della sicurezza sono equiparati a un incaricato di pubblico servizio quando lavorano allo stadio. Picchiarli o impedirgli di svolgere i controlli diventa pertanto un reato perseguibile d’ufficio.

Notizie correlate Pordenone
Altre notizie
20 Luglio 2018 - Non c’è pace per Nicola Canonico, imprenditore ed ex consigliere regionale che nei giorni scorsi si era detto interessato al...
19 Luglio 2018 - Gli Ultras 1898 hanno voluto esprimere pubblicamente il loro pensiero, attraverso un post su Facebook, dopo le ultime settimane che hanno...
18 Luglio 2018 - Dopo aver raccolto 150 firme, in poco meno di un mese, gli ultras dell'Imperia si sono presentati ieri sera al primo Consiglio Comunale...
17 Luglio 2018 - Preferiamo la serie D ad una serie C senza dignità. I titoli sportivi non si usurpano alle altre città e ai loro gruppi...
13 Luglio 2018 - Nell'acceso dibattito sul cambio di nome dell'università d'Annunzio, che dopo la proposta del rettore Sergio Caputi...
11 Luglio 2018 - In merito all'articolo apparso su una testata giornalistica locale, la Curva Sud Michele Stasi tiene a precisare che le scritte apparse...
11 Luglio 2018 - I filmati lo avevano inquadrato mentre avrebbe utilizzato la sua cintura come un'arma impropria, per colpire i suoi avversari, gli...
Stai ascoltando
Onair
   
Videotifo
Milan Tifosi, Milan vs Liverpool Finale Stadium part 19
Milan fans in Athen, singing, Milan Tifosi Norvegesi, www.acmilan.no, siamo noi siamo noi di campioni del europa siamo noi
cagliari-fiorentina
torneremo torneremo
Preparativi festa centenario
TORINO EMPOLI 100ANNI DI STORIA (Torinese)

Calciomercato a cura di
TIFO-Net informa
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.