[ Notizie ]
Lecce: assalto al bus dei tifosi baresi
24 Aprile 2017 - letto 3022 volte

Raid di una cinquantina di tifosi del Lecce contro un autobus di baresi nelle campagne di Veglie. E’ accaduto nel tardo pomeriggio di domenica 23 aprile, al termine della partita di calcio di Seconda categoria tra Veglie e Ideale Bari, e ha lasciato un supporter barese con una ferita alla testa e quindici giorni di prognosi. L’agguato sembra ricalcare quanto accaduto nel palazzetto dello sport di Monteroni il 31 marzo scorso, quando alcuni incappucciati, armati di spranghe, hanno invaso il campo durante la partita di basket tra la squadra locale e la Puma Trading Basket Taranto.

Questa volta, invece, il gruppo ha aspettato che la partita finisse prima di entrare in azione. La gara, vinta per 1-0 dal Veglie, si era svolta in totale tranquillità, senza alcuno screzio tra i supporter baresi e quelli salentini. Concluso il match, l’autobus dell’Ideale Bari stava uscendo dalla strada dello stadio per imboccare la tangenziale di Veglie, quando è stato bloccato da una cinquantina di persone giunte a piedi.

Il pullman era già scortato dai carabinieri, che hanno immediatamente sollecitato l’intervento di altri colleghi della Compagnia di Campi, guidati dal capitano Alan Trucci, per cercare di evitare lo scontro diretto tra le due tifoserie. Gli aggressori - stando a quanto è stato ricostruito - avrebbero parcheggiato auto e moto in una strada secondaria e effettuato l’assalto a piedi. Alcuni di loro indossavano felpe dell’Us Lecce, altri sciarpe giallorosse, la maggior parte si era travisata con sciarpe e cappucci e altri ancora portavano in testa i caschi da motociclisti.

Di fronte all’arrivo degli incappucciati, i tifosi baresi avrebbero, a loro volta, deciso di scendere dal mezzo per non sottrarsi allo scontro. Pietre e petardi sono stati lanciati da entrambe le parti e ad avere la peggio è stato un giovane barese, colpito in testa da una pietra. L’uomo è stato trasportato all’ospedale Fazzi di Lecce, dove è stato medicato e giudicato guaribile in quindici giorni. Nella stessa serata di domenica ha deciso di lasciare l’ospedale
e tornare a Bari.

Le lesioni causate al tifoso sono uno dei reati contestati nell’ambito dell’indagine avviata dai carabinieri di Campi, al momento a carico di ignoti, nell’ambito della quale si procede anche per lancio di petardi e oggetti atti a offendere durante manifestazione sportiva. Alcuni video, girati durante gli scontri, serviranno per cercare di identificare gli assalitori e capire se siano le stesse persone entrate nel palazzetto di Monteroni.

Notizie correlate Lecce
Altre notizie
21 Novembre 2017 - Dodici provvedimenti di Daspo con spranghe, mazze ferrate ed una chiave a “T” da utilizzare nel raid che, presumibilmente,...
21 Novembre 2017 - Nell’ambito del predisposto servizio del Comando Compagnia Carabinieri di Alba Adriatica, diretta dal Ten. Col. Emanuele Mazzotta,...
20 Novembre 2017 - Nel corso del primo tempo gli oltre 70 tifosi olbiesi accorsi a Livorno per sostenere la squadra hanno esposto due striscioni in segno di...
20 Novembre 2017 - Calcio e ultrà, una domenica di tensione. Un gruppo di ultrà del Mantova ha assaltato ieri pomeriggio il bar club dei...
20 Novembre 2017 - Momenti di tensione per Spal-Fiorentina. A poco più di un’ora dal fischio di inizio della partita, alle 13.30 circa, si...
20 Novembre 2017 - Poco prima dell'inizio della partita Inter-Atalanta, che si è svolta ieri sera a San Siro, la questura di Milano ha arrestato un...
20 Novembre 2017 - Durante la 17° giornata di campionato i tifosi dello Spartak si sono mostrati vicini al Rostov. Nel corso della sfida contro il...
   
Videotifo
Juve - Verona 4-0 Butei HELLAS in trasferta 18.01.15
Ultras Veronesi in trasferta a Torino contro la Juventus Juventus vs Hellas Verona, 18/01/2015, serie A 2014/15
ultras mantova
striscione di solidarietà ai cesenati e cori nella partita coi bagnini
dinamo lazio
dinamo lazio
DALE CAVESE .....
CURVA SUD CATELLO MARI

Calciomercato a cura di Tuttomercatoweb.com
TIFO-Net informa
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.