[ Notizie ]
Basta Daspo: il comunicato della curva sud della Reggina
13 Marzo 2017 - letto 1683 volte

Se oggi ci ritroviamo a scrivere e a raccontare le ultime vicende che ci hanno riguardato in prima persona è perché siamo stanchi di essere additati come "orda barbarica" o "gruppo di delinquenti" che nulla ha a che vedere col nostro modo di agire e di pensare. Non intendiamo denunciare l'ennesimo abuso, l'ennesima bravata da parte di coloro che dovrebbero garantire l'ordine anzichè essere sempre di più, uno STRUMENTO DI REPRESSIONE, in una città dove il vero problema sembrano essere gli Ultras. sia chiaro che siamo sempre pronti a pagare senza lamentarci delle nostre azioni da UOMINI LIBERI e questo è doveroso sottolinearlo.

Il clima di tensione oggi viviamo, è, forse volontariamente creato da poteri forti e stato di polizia che, attraverso UN'INGIUSTA REPRESSIONE ED UN'APPLICAZIONE SELVAGGIA DEL FAMIGERATO "DASPO", mira soltanto a distruggere quello che resta del movimento ultras a livello nazionale e cittadino.

Dalla trasferta di Brescia della stagione 2013/2014, dove in maniera pacifica e senza nessun disordine creato a persone o cose, venivano diffidati i nostri ragazzi al seguito della squadra, passando per LA CLAMOROSA, RIDICOLA ED INGIUSTA DIFFIDA, perpetrata a numerosi componenti del nostro gruppo nei giorni antecedenti alla partita di andata del play off Reggina-Messina. In quell'occasione venne attuato il DECRETO ALFANO (stadi sicuri per le famiglie), ideatore dell'estensione fino ad otto anni del DASPO individuale, ARRESTO DIFFERITO FINO A 48 ORE, OBBLIGO DI FIRMA E SORVEGLIANZA SPECIALE PER I RECIDIVI (restrizioni già applicate per i reati di mafia!), introduzione del DASPO DI GRUPPO, o, di più precisa e "viminalesca" definizione DASPO DI BRANCO da estendere fino a TRE ANNI. Il tutto per 2 lattoni di pittura, 5 rotoli di carta e per la presenza di qualche decina di ragazzi all'interno dello stazio O. Granillo, in orario e giorni non coincidenti con la partita: SI STAVA SEMPLICEMENTE PREPARANDO LA COREOGRAFIA! Ma al peggio non c'è mai fine e così nella penultima partita giocata in casa, un ragazzino di neanche 18 anni, viene selvaggiamente aggredito da 5 agenti perché presunto introduttore di materiale esplosivo (un innocuo fumogeno"= all'interno della Curva Sud dello stadio. Un'azione esagerata da parte degli agenti, che, dovrebbero essere a servizio del cittadino e della sicurezza e non dovrebbero aggredire gratuitamente un ragazzo neanche maggiorenne all'interno di una società civile e democratica. E' inammissibile diffidare due ragazzi per il solo motivo di aver "scalciato" due fiaccole (introdotte da ignoti), perché ne offuscavano la loro visuale, non è ammissibile diffidare sette ragazzi per il solo motivo di aver festeggiato assieme ad una tifoseria gemellata e consolidare una vecchia amicizia.

IL POTERE E' L'AFRODISIACO  SUPREMO, mai significato più appropriato fu dato a questo termine: QUALCUNO CI GODE NELL'APPLICARE REPRESSIONE.

Il nostro è l'unico stadio d'Italia dove non è ammesso introdurre megafoni, tamburi e/o qualsiasi strumento coreografico, come potrebbe essere un bandierone o altro materiale NON ATTO AD OFFENDERE.

Attenzione però, questo non vuole essere un messaggio di denuncia o ammissione di errori, non vuol essere finto vittimismo, ma vuol mettere in luce lo stato di tensione creata in questi anni all'interno della nostra curva.

Conosciamo i problemi che affliggono Reggio Calabria, soprattutto per vivibilità e mancanza di lavoro, è per questo che , la squadra di calcio, per molti di noi, rappresenta un mezzo di aggregazione, di amor proprio verso la nostra città e diversivo di chi un lavoro onesto non lo ha ma vive ugualmente con la DIGNITA' di un uomo VERO.

CONTRO OGNI ABUSO... ULTRAS E NON CRIMINALI"

Notizie correlate Reggina
Altre notizie
19 Settembre 2018 - Sono finiti nei guai due tifosi dell'Angri: gli agenti della Polizia di Stato appartenenti al Commissariato di Pubblica Sicurezza di...
19 Settembre 2018 - Per molti anni abbiamo dovuto subire l'avvento di truffatori, mafiosi o pseudo-tifosi che semplicemente acquisendo la proprietà...
19 Settembre 2018 - Avevano ferito, con dei sassi, agenti delle forze dell'ordine, danneggiando anche le loro auto di servizio, in occasione della partita...
19 Settembre 2018 - Inaudito quanto accaduto al termine della partita Lucchese-Arezzo, il derby finito con la vittoria degli ospiti per 1 a 0. All’altezza...
18 Settembre 2018 - Nei giorni scorsi l’Osservatorio ha segnalato i profili di rischio del match in programma sabato alle ore 15. E così il Casms...
18 Settembre 2018 - PAROLE, PAROLE, PAROLE… CAZZATE, CAZZATE, CAZZATE! Stiamo assistendo da ieri ad un teatrino vergognoso, costruito...
18 Settembre 2018 - Partita fantasma all'Ado Nelli di Oste di Montemurlo. Si doveva disputare la prima giornata del campionato di serie D girone E tra il...
Stai ascoltando
Onair
   
Videotifo
Lucchese Pisa rientro in motorino
lucchese pisa ultras rientrano a pisa in motorino
Cori stadio pre-partita Cesena-Modena 2-4 serie B 05-06 (38^
Cori di Curva Sud Modena allo stadio Manuzzi di Cesena.
Fuori il Fiato comincia il divertimento - ultras Palermo
Una canzone argentina conquista i tifosi Curva Nord Inferiore, per sapere il testo e per saperne di più:...

Calciomercato a cura di
TIFO-Net informa
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.